tarli-del-legno

Con il tarlo, è importante agire rapidamente e utilizzare il corretto trattamento dei tarli. Per fare ciò, è necessario identificare correttamente il tipo di tarlo che rovina il legno. La nostra guida ti spiegherà i diversi tipi di tarlo e la loro identificazione.

Cos’è il tarlo?

Il tarlo è il termine comune usato per riferirsi alle larve di tutti i coleotteri che danneggiano il legno.

Che aspetto ha un tarlo?

Le larve di tarli sono di solito di un colore bianco crema e hanno corpi curvi. È altamente improbabile che tu possa mai vedere le larve di tarli, poiché rimangono nascoste sgranocchiando legname fino a quando non sono completamente cresciute. I coleotteri adulti hanno un aspetto diverso, tendenzialmente sono di colore marrone e lunghi 3-4 mm.

Ciclo di vita del tarlo

L’intero ciclo di vita di un tarlo si svolge in un periodo da due a cinque anni. Ci sono tre fasi di sviluppo dei tarli la deposizione delle uova, la schiusa e la trasformazione:

Fase di deposizione delle uova

Il ciclo dei tarli inizia quando una femmina adulta di coleottero del legno atterra su una superficie di legno e depone le uova appena sotto la superficie in pori, crepe e fessure. Il suo obiettivo è quello di proteggere le uova nelle condizioni più sicure possibili per dare loro le migliori possibilità di sopravvivenza. In ogni dato ciclo di deposizione, una femmina può deporre qualsiasi cosa tra 20-50 uova in un singolo lotto.

Fase di schiusa e tunneling

Nel giro di poche settimane le uova si schiuderanno dal basso per produrre larve. Queste piccole larve si faranno poi strada attraverso il legno per un periodo che va da due a cinque anni. Nel corso di questo periodo, una singola larva potrà creare delle gallerie e questo è il modo in cui grandi lotti di creature possono danneggiare seriamente l’integrità strutturale.

Trasformazione

Con il passare del tempo, le larve iniziano a maturare e si faranno strada verso la superficie e creeranno una “camera pupilla”. Questa piccola stanza funge da area di sosta finale dove le larve possono riposare e iniziare la loro trasformazione in un tarlo adulto. Quando è il momento giusto, il tarlo appena trasformato si farà strada verso la superficie e volerà via, pronto ad accoppiarsi con una femmina e riavviare il processo.

Quali sono i segni dell’infestazione da tarli?

Può essere difficile dire se hai un’infestazione da tarli attiva poiché il danno principale è causato all’interno del legname ed è improbabile che tu veda risultati visibili per anni. Tuttavia, ci sono una serie di segni rivelatori che possono aiutarti a identificare una potenziale infestazione da tarli:

  • Piccoli fori rotondi nei tuoi mobili di legno, in genere da 1 mm a 2 mm di diametro
  • Polvere fine e polverosa intorno a questi fori
  • Bordi friabili a tavole e travetti
  • Gallerie all’interno del legname
  • Legni o pavimenti deboli o danneggiati

Ulteriori segni di infestazione da tarli:

Tarli morti intorno ai davanzali delle finestre

Durante i mesi estivi è possibile avvistare coleotteri adulti che emergono dai buchi all’interno del legno. Una volta che un tarlo del legno è uscito dal nascondiglio, istintivamente si dirige verso la luce. Quindi controlla se hai tarli sui davanzali delle finestre.

Come capire se i tarli sono attivi?

Giudicare se il danno che hai trovato è un’infestazione attiva di tarli o meno è sempre la parte difficile.

Un metodo popolare per testare un’infestazione attiva di tarli è riempire i fori di uscita con cera d’api o carta velina, lasciandolo per un anno e vedendo se qualche coleottero adulto ha superato l’anno successivo. Indipendentemente dal fatto che tu ci provi o meno, è sempre meglio parlare con uno specialista prima di procedere con qualsiasi trattamento.

Dove puoi trovare i tarli

Il tarlo può essere trovato in tutte le superfici in legno, tra cui:

  • Assi del pavimento
  • Mobili
  • Travetti/travi
  • Travi per tetti
  • Superfici in legno verniciato
  • Utensili in legno
  • Falegnameria e legname strutturale
  • Lavorazione decorativa del legno
  • Strumenti musicali

Cosa attrae i tarli?

Ogni specie di tarlo è attratta da una tipologia di legno differente. Alcuni preferiscono legni teneri come pino, abete rosso e cedro. Mentre altri preferiscono legni duri come quercia, frassino e mogano. Ma una cosa li accomuna tutti: preferiscono il legno umido perché è più facile da masticare.

Quanto è grave l’infestazione da tarli?

L’entità del danno causato dipende dalla specie, dalle dimensioni dell’infestazione e da ciò che è stato infestato. Non tutti i tarli sono dannosi. Tuttavia, se non trattata nel tempo, il tarlo può seriamente indebolire il legno, causando gravi danni all’interno della sua struttura.

A questo punto, i componenti strutturali indeboliti potrebbero cedere il posto con conseguenti ingenti spese di riparazione. È per questo motivo che un’infestazione da tarli è un problema significativo se si trova in:

  • Travetti in legno
  • Legno portante
  • Copertura
  • Travi
  • Legno strutturale

Come accennato, ci sono molti fattori nel determinare l’impatto e l’entità di un’infestazione e questo deve essere confermato da un professionista prima di intraprendere qualsiasi azione.