Escrementi di topo

“Ho trovato della cacca di topo in cantina, devo preoccuparmi delle malattie?”

Questa domanda ce la sentiamo fare spesso, quando ci rechiamo in abitazioni private per un sopralluogo preventivo per una derattizzazione .

La risposta è molto semplice: la contaminazione del cibo da parte dei topi avviene proprio attraverso le loro feci, le loro urine o i loro peli, oppure tramite i parassiti che dimorano tra i loro peli. I topi possono inoltre trasmettere malattie importanti anche attraverso il morso.

La cacca di topo può essere un vettore di diverse malattie, in particolare se viene a contatto con gli alimenti o l’acqua potabile. Alcune delle malattie più comunemente associate alla cacca di topo sono:

  • Salmonella: una infezione batterica che può causare febbre, dolori addominali e diarrea.
  • Leptospirosi: una malattia causata da un batterio presente nell’urina dei topi. Può causare febbre, mal di testa, dolori muscolari e, in rari casi, può essere fatale.
  • Toxoplasmosi: una infezione causata da un parassita presente nella cacca di topo e in altri animali. Può causare sintomi simili a quelli dell’influenza, ma può essere pericolosa per le donne incinte e per le persone con sistemi immunitari deboli.
  • Colera: una grave infezione intestinale che può causare disidratazione grave e, in alcuni casi, può essere fatale.

È importante lavarsi accuratamente le mani dopo aver toccato la cacca di topo o aver pulito una zona in cui sono presenti dei topi, per prevenire il rischio di contrarre queste o altre malattie.

escrementi di topo

In Italia sono tre le specie di ratti più diffusi a cui prestare attenzione:

Mus Musculus

Topolino Domestico

Il Mus Musculus, anche detto Topolino domestico, è la classica specie di topo che viene riconosciuto comunemente e avvistato più frequentemente in Italia.  Si tratta di un roditore di piccola taglia il cui corpo misura all’incirca 10 centimetri, escludendo la coda.

Possiamo trovarlo frequentemente negli insediamenti urbani, in cui si muove a suo agio date le dimensioni ridotte.

I luoghi che predilige frequentare sono piccoli anfratti, parti nascoste dei nostri elettrodomestici, controsoffitti o intercapedini, fino ad occupare stanzini che sono di norma poco frequentati, dove può crescere e riprodursi tranquillamente, senza essere disturbato, e da dove può facilmente muoversi in cerca di cibo.

rattus norvegicus

Rattus Norvegicus

Ratto di Fogna

Ratto di fogna o, come definito a Roma, la pantegana è un topo di circa 30 centimetri che pesa quasi mezzo chilo, escludendo naturalmente la coda.

Si tratta di una specie molto prolifica e che in condizioni favorevoli si riproduce quasi tutto l’anno.

Hanno un periodo di gestazione di 20 giorni al termine dei quali danno alla luce una decina di piccoli e, già poche ore dopo aver partorito, sono in grado di riprodursi nuovamente.

Rattus Rattus

Ratto Nero o Ratto dei tetti

Si tratta di un topo con grandi abilità di arrampicare, favorito da un corpo agile e snello che non supera mai i 300 grammi di peso, consentendogli di salire agilmente su muri e alberi.

Si tratta di un topo diffidente, che non ama incontrare novità nel suo abituale percorso nel territorio che occupa.

Si nutre sempre dello stesso cibo, senza mai sperimentarne di nuovi.

Predilige muoversi sui tetti o comunque in luoghi dove può evitare incontri imprevisti, come con l’uomo ad esempio.

rattus rattus o ratto-nero

Odore di cacca di topo?

Gli escrementi del topo potrebbero non avere alcun odore evidente, l’urina del topo invece ha un odore di ammoniaca distinto. I topi hanno una vista molto scarsa, ma un senso dell’olfatto molto sviluppato. Possono raccogliere informazioni dai profumi lasciati dai rifiuti dei roditori. Potresti non essere in grado di trovare gli escrementi di topo dall’odore, ma allo stesso modo potresti notare un odore di ammoniaca rilasciato dall’urina che si lasciano alle spalle, e puoi star sicuro che lo riconoscerai.

Che aspetto ha la cacca di topo?

Anche se identificare gli escrementi è un buon modo per capire che tipo di problema hai, può essere fonte di confusione. Le infestazioni da roditori possono essere il risultato di topi di casa, topi di cervo, topi del tetto, topi norvegesi e persino scoiattoli o procioni.

Come accennato in precedenza, gli escrementi di topo sono di solito 2 cm o meno di lunghezza e di dimensioni simili. Gli escrementi, in rapporto al topo, sono generalmente della stessa forma ma più grandi o più piccoli a seconda della specie.

Come sbarazzarsi degli escrementi di topi e prevenire

Dopo aver identificato gli escrementi di roditori, devi liberartene. Gli escrementi non sono solo antiestetici, possono diffondere malattie correlate ai roditori. È necessario seguire le precauzioni di sicurezza durante la pulizia degli escrementi di topo.

Vi suggeriamo di seguire questi consigli:

  • Lasciare areare per 30 minuti prima di procedere alla pulizia, se possibile.
  • Indossare guanti in gomma, lattice o vinile e una maschera o un respiratore.
  • Utilizzare uno spray disinfettante (potete farlo anche in casa mescolando 1 parte di candeggina a 10 parti di acqua) e lasciatelo agire nell’area interessata per 5 minuti.
  • Pulire l’area con stracci monouso o salviette di carta.
  • Metti i rifiuti in un sacchetto di plastica sigillato, prima di gettarlo in un bidone della spazzatura coperto.

È particolarmente importante evitare di spazzare o passare l’aspirapolvere nelle aree in cui i topi sono rimasti fino a quando questi passaggi non sono stati completati. Spazzare o passare l’aspirapolvere può causare la diffusione di germi dai topi nell’aria; se si inalano agenti patogeni dai roditori, ci si può ammalare gravemente. L’aria infatti è un vettore per alcuni tipi di malattie condotte dai ratti.

Urina di topo come riconoscerla

La pipì di topo ha un odore forte e pungente, quindi spesso è facile individuarla solo annusando l’area in cui si sospetta che i topi siano presenti. A volte, tuttavia, l’odore può essere meno intenso o può essere mascherato da altri odori, quindi può essere utile cercare altri segni che possono indicare la presenza dei topi.

Alcuni dei segni da cercare per individuare la pipì di topo sono:

  • Tracce di liquido sui pavimenti o sui mobili. La pipì di topo può lasciare tracce bagnate o appiccicose dove viene depositata.
  • Macchie scure sui muri o sui pavimenti. La pipì di topo può macchiare le superfici dove viene depositata, lasciando macchie scure o gialle.
  • Odore forte e pungente. Come accennato, la pipì di topo ha un odore forte e pungente, quindi se si sente un odore simile nella zona in cui si sospetta la presenza dei topi, potrebbe essere un segno che ci sono topi nelle vicinanze.
  • Escrementi di topo. La pipì di topo spesso viene depositata vicino agli escrementi dei topi, quindi se si trovano escrementi di topo nell’area in cui si sospetta la presenza dei topi, è probabile che ci siano anche tracce di pipì di topo.

Se si sospetta la presenza dei topi in una zona della casa, è importante fare attenzione a non toccare la pipì o gli escrementi dei topi con le mani nude, per evitare il rischio di contrarre le malattie che possono essere trasmesse attraverso questi fluidi. Inoltre, è importante rimuovere rapidamente gli escrementi e la pipì di topo per evitare che si diffondano ulteriormente le malattie.

Hai bisogno di una derattizzazione?

Rivolgiti a Easy Clean, i professionisti delle derattizzazioni.

Chiedi un preventivo

3 + 4 = ?