Punture di vespe: sintomi di reazione e trattamento

Panoramica

Le punture di vespa sono comuni, specialmente durante i mesi più caldi, quando le persone rimangono all’aperto per periodi di tempo più lunghi. Possono essere scomode, ma la maggior parte delle persone guarisce rapidamente e senza complicazioni.

Le vespe, come api e calabroni, sono dotate di un pungiglione per autodifesa. Il pungiglione di una vespa contiene veleno (una sostanza velenosa) che viene trasmesso agli umani durante una puntura.

Tuttavia, anche senza un pungiglione depositato, il veleno di vespa può causare dolore e irritazione significativi. È anche possibile avere una reazione seria se si è allergici al veleno. In entrambi i casi, un trattamento tempestivo è importante per alleviare sintomi e complicanze.

Sintomi di una puntura di vespa

La maggior parte delle persone senza allergie alle punture mostrerà solo lievi sintomi durante e dopo una puntura di vespa. Le sensazioni iniziali possono includere dolore acuto o bruciore nel sito della puntura. Possono verificarsi anche arrossamento, gonfiore e prurito.

Reazioni locali normali

È probabile che sviluppi un gonfiore rialzato intorno al sito della puntura. Un piccolo segno bianco può essere visibile nel mezzo del rigonfiamento in cui il pungiglione ha perforato la pelle. Di solito, il dolore e il gonfiore si ritirano entro alcune ore dalla puntura.

Grandi reazioni locali

“Grandi reazioni locali” è un termine usato per descrivere i sintomi più pronunciati associati a una vespa o a una puntura d’ape. Le persone che hanno grandi reazioni locali possono essere allergiche alle punture di vespa, ma non presentano sintomi potenzialmente letali, come shock anafilattico.

Le grandi reazioni locali alle punture di vespa includono arrossamenti e gonfiori estremi che aumentano per due o tre giorni dopo la puntura. Possono anche verificarsi nausea e vomito. Scopri cosa sta succedendo nel tuo corpo durante una reazione allergica. Il più delle volte, grandi reazioni locali si placano da sole nel corso di una settimana circa.

Fai sapere al tuo medico se hai una forte reazione locale dopo una puntura di vespa. Potrebbe indicarti di  prendere un farmaco antistaminico da banco (OTC) per ridurre il disagio.

Avere una grande reazione locale dopo una puntura di vespa una volta non significa necessariamente che reagirai alle punture future allo stesso modo.

Potresti avere una forte reazione e non mostrare mai più gli stessi sintomi. Tuttavia, una grande reazione locale potrebbe essere il modo in cui il tuo corpo risponde abitualmente alle punture di vespa.

Cerca di evitare di essere punto per prevenire questi sintomi spiacevoli.

Anafilassi a seguito di una puntura di vespa

Le reazioni allergiche più gravi alle punture di vespa sono chiamate anafilassi.

L’anafilassi si verifica quando il corpo subisce uno shock in risposta al veleno di vespa. La maggior parte delle persone che sono sotto shock dopo una puntura hanno una reazione molto rapidamente. È importante cercare cure di emergenza immediate per curare l’anafilassi.

I sintomi di una grave reazione allergica alle punture di vespa includono:

  • grave gonfiore del viso, delle labbra o della gola
  • orticaria o prurito in zone del corpo non colpite dalla puntura
  • difficoltà respiratorie, come respiro sibilante o respiro affannoso
  • vertigini
  • improvviso calo della pressione sanguigna
  • vertigini
  • perdita di conoscenza
  • nausea o vomito
  • diarrea
  • crampi allo stomaco
  • polso debole o da corsa

È possibile che non si verifichino tutti questi sintomi dopo una puntura di vespa, ma è probabile che si verifichino almeno alcuni di essi dopo una puntura successiva.

Se hai una storia di anafilassi, porta un kit in caso di una puntura di vespa.

I “kit di punture d’ape” contengono iniezioni di epinefrina (EpiPen) che puoi somministrare dopo una puntura di vespa. L’epinefrina ha diversi effetti che aiutano a stabilizzare la pressione sanguigna, aumentano la frequenza cardiaca e la forza e aiutano la respirazione a tornare alla normalità.

Lo shock anafilattico è un’emergenza medica che richiede un trattamento immediato. Scopri di più su questa pericolosa condizione, incluso cosa fare se qualcuno che conosci lo sta vivendo.

Trattare le punture di vespa

Reazioni da lievi a moderate

Puoi trattare le reazioni lievi e moderate alle punture di vespa a casa. Mentre tratti la tua puntura a casa, dovresti:

  • Lavare l’area della puntura con acqua e sapone per rimuovere il più possibile il veleno.
  • Applicare un impacco freddo sul sito della ferita per ridurre gonfiore e dolore.
  • Mantieni la ferita pulita e asciutta per prevenire l’infezione.
  • Coprire con una benda se lo si desidera.

Usa una crema all’idrocortisone o una lozione alla calamina se il prurito o l’irritazione della pelle diventano fastidiosi. Il bicarbonato di sodio e la farina d’avena colloidale sono rilassanti per la pelle e possono essere utilizzati durante il bagno o attraverso creme per la pelle medicate.

Gli antidolorifici OTC, come l’ibuprofene, possono gestire il dolore associato alle punture di vespa.

Anche i farmaci antistaminici, tra cui difenidramina e clorfeniramina, possono ridurre il prurito. Prendi tutti i farmaci come indicato per evitare potenziali effetti collaterali, come irritazione allo stomaco o sonnolenza.

Dovresti anche prendere in considerazione un’antitetanica entro alcuni giorni dalla puntura se non hai fatto il richiamo negli ultimi 10 anni.

Aceto

L’aceto è un altro possibile rimedio casalingo che può essere usato per le punture di vespa. La teoria è che l’acidità dell’aceto può aiutare a neutralizzare l’alcalinità delle punture di vespa. È vero il contrario delle punture di api, che sono più acide.

Per usare l’aceto sulle punture di vespa, immergi un batuffolo di cotone con sidro di mele o aceto bianco e posizionalo sulla parte interessata della pelle. Usa una leggera pressione per aiutare con il dolore e l’infiammazione. Puoi lasciare il batuffolo di cotone sulla pelle per alcuni minuti.

Reazioni gravi

Le reazioni allergiche gravi alle punture di vespa richiedono cure mediche immediate. Complessivamente, fino allo 0,8% dei bambini e il 3% degli adulti ha allergie alle punture di insetti.

Se hai un EpiPen, somministralo non appena iniziano i sintomi. Se hai una storia di allergie alle vespe, somministrare EpiPen non appena si è punto e quindi chiamare il 911.

Il trattamento per gravi reazioni allergiche alle punture di vespa può includere:

  • epinefrina aggiuntiva per calmare il sistema immunitario
  • rianimazione cardiopolmonare (RCP) se la respirazione si è temporaneamente fermata
  • ossigeno, steroidi o altri farmaci per migliorare la respirazione

Puntura di vespa contro puntura di ape

Le punture di vespe e api possono causare sintomi simili, ma le misure di trattamento sono leggermente diverse. Mentre un’ape può pungere solo una volta perché il suo pungiglione si blocca nella pelle della sua vittima, una vespa può pungere più di una volta durante un attacco. I pungiglioni rimangono intatti.

A meno che tu non sia allergico, la maggior parte delle punture di api può essere curata a casa.

Puoi rimuovere la puntura d’ape scorrendo sulla zona interessata della pelle con l’unghia entro 30 secondi dalla puntura. Puoi ridurre il dolore e il gonfiore con impacchi freddi e un farmaco OTC come l’ibuprofene.

In caso di allergia alle api nota, somministrare immediatamente EpiPen e chiamare il 911. In caso di infezione, consultare anche il medico. I sintomi includono arrossamento, aumento del gonfiore e pus.

Se hai un nido di Vespe o Calabroni a casa, contattaci per una disinfestazione professionale

Come possiamo aiutarvi?

(Non obbligatorio. E' possibile scegliere una o più opzioni)

Consenso a ricevere comunicazioni dalla Easy Clean S.r.l. o da società da essa controllate o partecipate.
Autorizzandoci acconsente a ricevere comunicazioni o informazioni sui prodotti o servizi per finalità promozionale e di fidelizzazione.
* obbligatorio

Le informazioni proposte in questo sito non sono, e non vogliono essere, un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.